Home Conto Corrente

COME APRIRE UN CONTO CORRENTE IN ALBANIA



I costi di gestione del conto corrente risultano spesso inferiori nei paesi esteri, come nel caso dell’Albania.

Sarà sufficiente seguire alcuni piccoli passaggi per poter aprire un conto estero in questo paese.

Innanztiutto dovrete avere a portato di mano un capitale da depositare e la documentazione necessaria.

Il tasso d’interesse in Albania risulta spesso più conveniente di quello offerto in Italia, tramite una ricerca online sulle filiali disponibili si potrà dunque decidere a quale banca appoggiarsi, sia che si intenda trasferirsi fisicamente in Albania oppure no.

 

ITER BUROCRATICO PER APRIRE UN CONTO CORRENTE IN ALBANIA

  • Carta d’identità;
  • Codice Fiscale;
  • Passaporto

La banca provvederà in seguito all’invio della documentazione da compliare e sottoscrivere, in più dovrà essere depositata sul conto corrente una somma iniziale nel valore della valuta albanese, ovvero in lek.

A procedura terminata si potrà così ricevere una carte di credito munita di codice personale, utilizzabile dal solo contraente, oltre alla possibilità di un accesso via internet.

Con il codice personale potranno essere effettuate le operazioni tramite lo sportello bancomat, ricordando che il prelievo dall’Italia implica una commissione sullo stesso.

Se la vostra intenzione è quella di traferisi definitivamente in Albania è consigliabile aprire un conto corrente solamente dopo aver trovato una sistemazione definitiva; mentre sarà possibile aprire un conto anche per un breve periodo lavorativo o di vacanza.

 

SISTEMA BANCARIO ALBANESE

Il sistema bancario dell’Albania ha subito profonde ristrutturazioni per adeguarsi al modello economico libero di mercato. Il tutto è regolamentato dalla legge n. 8365 sul Sistema Bancario e dalla legge n. 8269 del 1997 sulla Banca di Albania, alla quale sono state apportate modifiche successive con le leggi 8384 e 8893 del 2002. Inoltre, la Costituzione del 1998,  ha definito in linea generale le finalità e la composizione della Banca di Albania.



L’attuale sistema bancario si suddivide in due livelli, dove le banche commerciali e le altre istituzioni finanziarie sono in grado di fornire una rete di servizi sotto la supervisione della Banca di Albania (banca di primo livello).

Per quanto riguarda invece il processo di privatizzazione delle banche di proprietà statale, predisposto dal Governo insieme alla Banca Mondiale (WB) ed alla BERS, ne si prevede la realizzazione nel prossimo futuro.

Sul territorio albanese possono inoltre svolgere attività bancarie anche gli Istituti di deposito e prestito, privi di scopo di lucro, con la sola clausola di stipulare crediti ai loro associati entro un determinato territorio.

Non è momentanemanete presente un tasso ufficiale, esso viene suddiviso in tassi sui prestiti sono calcolati sulla base di euribor/libor piu’ b.p (basis point).  In sostanza il mercato attuale albanese gode di molta liquidità, mentre l’erogazione dei prestiti viene attentamente valutata.

Stando al dettato della Costituzione del 1998, la Banca albanese esercita il diritto di operare come unico organo di emissione della moneta nazionale della Repubblica d’Albania, formulando in piena indipendenza la politica monetaria, detenendo e gestendo le riserve valutarie dello Stato.

Il suo potere prevede:

  • la formulazione in essere per la politica dei cambi valutari;
  • operare come Istituto di Credito, consulente e agente fiscale presso la Repubblica Albanese;
  • la gestione dell’emissione e la distribuzione di propri titoli di credito e la distribuzione di titoli per conto dello Stato;
  • controllare il sistema dei pagamenti nella Repubblica Albanese e facilitare l’attuazione di sistemi efficienti di scambi e transazioni interbancarie;
  • erogare credito alle varie banche.