Home Carte di Credito

INPS Card: Cos’è e Come si Richiede



Dal 2004, per i pensionati, è possibile usufruire della card messa a disposizione da Poste italiane e INPS. La carta in questione ha di fatti assunto il nome di INPS Card.

L’INPS card consiste in una carta di accredito gratuita con la possibilità di accredito della pensione, a differenza del resto della maggior parte delle altre carte. Il titolare della carta potrà infatti riceve i pagamenti da parte dell’ente previdenziale come la pensione e altre tipologie di prestazione previdenziale, anche quelle a carattere temporaneo.

L’INPS Card è utilizata maggiormente dai pensionati per l’incasso dell’intera l’intera rata della pensione, o solo quote della stessa, prelevabili presso tutti gli sportelli automatici Postamat gratuitamente e del circuito Maestro e Cirrus.

La funzione di INPS Card è quella di un conto corrente, ragion per cui i prelievi  ATM bancari avranno una commissione da pagare in Italia a 1,75 euro a prelievo, mentre dagli sportelli esteri, sia in area euro che extra euro, il costo è di 2,58 euro. La stessa Card INPS può essere presentata nei negozi per avquistare beni e prodotti purché convenzionati con il circuito dalla carta.

 

AGGIORNAMENTO DELLA CARD INPS

Oltre agli aspetti comodi dell’INPS Card, come il deposito della pensione, non si può fare a meno di conoscere anche un suo lato più ostico che riguarda la modalità di aggiornamento obbligatorio della carta. Dopo ogni 40 operazioni compiute con INPS Card è infatti obbligatorio aggiornare lo strumento presentandosi presso uno sportello fisico, poiché l’opzione telematica non viene permessa. In caso di mancato aggiornamento l’INPS Card verrà automaticamente bloccata.

 



COME FARE PER RICHIEDERE L’INPS CARD

Per richiedere la card INPS bisogna rivolgersi presso gli uffici postali, tramite richiesta di attivazione sarà rilasciato un documento di registrazione, con il quale potrà essere ritirata la pensione direttamente o tramite persona delegata, anche in assenza dell’INPS Card.

L’invio dell’INPS Card sarà quindi consegnato presso il domicilio dell’intestatario correlato da un codice PIN. Carta e PIN saranno spediti in due differenti buste, al fine di salvaguardare la sicurezza dell’intestatario.

In possesso di tutta la documentazione si dovrà ritornare all’ufficio postale per l’effettiva attivazione completa dell’INPS Card.

L’accredito della pensione avverrà il mese successivo all’attivazione, qualora l’attivazione sia stata effettuata dal primo al quindicesimo giorno del mese, mentre dal sedicesimo giorno fino alla fine del mese, l’accredito verrà slittato al secondo mese successivo.

La disponibilità di prelievo massimo giornaliero da Postamat e Bancomat con INPS Card bancari è pari a 600 euro, mentre mensilmente tale importo può raggiungere i 2.500 euro massimi.

L’importo massimo giornaliero per i pagamenti presso i negozi convenzionati sono di 600 euro, come per il prelievo giornaliero agli sportelli, mentre il massimo mensile prevede un limite pari a 1.600 euro.

Presso i Postamat si potranno consultare i saldi e la lista movimenti, mentre non sono previste imposte annue per il momento.

In caso di furto o smarrimento il blocco dell’INPS Card è del tutto gratuito, mentre sarà possibile ottenere una nuova card.

L’unico svantaggio sembra quello di doversi recare presso un ufficio postale ogni 40 operazioni per l’aggiornamento di INPS Card, onde evitare il blocco.